LA SCUOLA SECONDARIA

Un mondo bello da sperimentare

La scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado sono pensate come ciclo unico: dalla prima all’ottava classe. Con il passare degli anni di scuola, sempre maggiore importanza acquista l’approfondimento delle materie scientifico-matematiche e umanistico-letterarie, perché in esse vengono stimolati l’osservazione oggettiva dei fenomeni e il pensiero logico-causale.

Il pensiero

Nel dodicesimo anno di età, ovvero dalla VI classe (prima media), nel ragazzo sorge il desiderio legittimo di penetrare il mondo anche con il pensiero, di intuire i processi fisici, di scoprire i segreti della natura, di capire l’economia, il commercio, le leggi e la giustizia, cominciando così a evidenziare anche i nessi causali.

Le materie

Le materie portate dal maestro di classe si svolgono in epoche: le singole materie di insegnamento vengono proposte in cicli di tre o quattro settimane dove si lavora in modo intensivo su una singola materia, privilegiando così la continuità e l’approfondimento.

Matematica e Italiano, vengono insegnate per tutto il ciclo scolastico accompagnate da esperienze artistiche e di ritmo, adatte a ogni specifica età, con l'obiettivo di infondere a poco a poco nel bambino il piacere di imparare, la fiducia nella comprensione e il coraggio critico.

Le materie scientifiche come Fisica, Chimica, Mineralogia, Biologia e Astronomia non vengono affrontate in modo astratto o solo nozionistico. I ragazzi, attraverso i propri sensi, si mettono in rapporto diretto con l’esperimento che stanno osservando e rielaborano sul proprio quaderno il fenomeno osservato. Questo metodo scientifico di approcciarsi alla realtà dei fenomeni è sempre abbinato a esperienze artistiche e collegato con le altre materie d’insegnamento; per questo i ragazzi percepiscono la scuola come un ambiente vivo e pulsante.

La geografia inizia ora ad avere un approccio più scientifico e antropologico.

La storia: i ragazzi iniziano a studiare le Civiltà Greche e Romane, per passare poi al medioevo, al Rinascimento e alla Rivoluzione Francese, fino a giungere al XX secolo.

Le lingue straniere, Inglese e Tedesco, vengono insegnate da un insegnate madrelingua, che approfondirà gli aspetti linguistici e grammaticali. Grande importanza viene data all’aspetto artistico e manuale, attraverso le arti e le attività di artigianato.

Bibliografia consigliata: